Una giornata di villeggiatura sul Renon

Temperature miti e un panorama fantastico ci attira sul Renon. Perché quando le temperature nella valle salgono a oltre 30 gradi e il caldo è quasi insopportabile, troviamo il raffreddamento sull'altopiano del sole.
In 12 minuti con la funivia del Renon da Bolzano raggiungiamo il Renon e godiamo delle temperature piacevoli e di un panorama mozzafiato sulle Dolomiti. Non si potrebbe scegliere un posto più bello per la villeggiatura estiva.

Non è un caso che il Renon sia chiamato la "culla della villeggiatura estiva". Già nel 1505 la Bolzano "bene" passava i caldi mesi estivi sul Renon. Con la costruzione della cremagliera da Bolzano a Soprabolzano e della ferrovia fino a Collalbo agli inizi del novecento, il Renon divenne definitivamente la culla del concetto di villeggiatura estiva. Questa villeggiatura tradizionalmente durava 72 giorni e iniziava il 29 giugno, il giorno dei Santi Pietro e Paolo.

E ancora oggi gli abitanti di Bolzano sono attratti dal Renon. Ma non solo i Bolzanini, anche ognuno che vuole sfuggire dal caldo della valle troverà qui sul Renon un posto al sole, ma con temperature molto più piacevoli.

Così facciamo anche noi:

Sulle tracce dei vacanzieri estivi seguiamo il cammino villeggiatura da Soprabolzano a Maria Assunta. Il sentiero ci conduce lungo le ville della villeggiatura e in soli 20 minuti raggiungiamo l'idilliaco borgo di Maria Assunta. Proseguiamo il sentiero n. 2B e poi n.14 in direzione Merltennen. Davanti a noi si apre una splendida vista. Da questo punto di vista ci godiamo di una splendida vista su Bolzano e dintorni.
Dopo aver ammirato il panorama, proseguiamo il sentiero n. 14 attraverso il bosco. Una leggera brezza soffia e il silenzio viene solo interrotto dal canto allegro degli uccelli e dal martellamento di un picchio a distanza.

Dopo un'ora torniamo a Soprabolzano. Una passeggiata tranquilla nei tempi passati. È vero il detto, che la vera vacanza è un’invenzione del Renon.

RittenCard
Arena Ritten
Hotel Bemelmans